Project Description

Azione du 24 juillet 2017

Amarsi e credere in un altro dio

Religione – Due coppie con fedi diverse ci raccontano la loro esperienza

24.07.2017  di Sara Rossi Guidicelli

Cosa significa condividere tutto tranne la religione? Quando due persone si amano e desiderano passare la vita insieme, è possibile che ci sia qualcosa di così importante che non li accomuni? E cosa comporta? Spesso in una coppia si fanno mestieri diversi, a volte non si hanno nemmeno gli stessi hobby, magari persino la visione della vita differisce. Ma per la fede? In un mondo che si mischia sempre di più, cosa succede se ci si innamora di qualcuno che crede in un dio diverso? Non è facile trovare statistiche su quante coppie miste conti il Ticino, la Svizzera, il mondo. Quello che si può certamente dire è che sono in aumento, dappertutto. Queste che seguono sono le storie di due coppie che non rappresentano nessuno se non se stesse. Una ha deciso di mantenere l’anonimato, l’altra ha messo sul web una serie tv autobiografica.

Tutto può avere inizio grazie a Vanni (nome di fantasia), che decide di raccontarmi. Devo però andare fino a casa sua, sul lago di Zurigo. La casa di due persone colte, viaggiatrici, aperte. Sul tavolino c’è una pila di giornali e riviste, libri di ogni genere, da Pavese all’ultimo giallo di Donna Leon, e grandi vetrate che danno sul lago. La libreria rispecchia chi abita la casa: volumi in ebraico, bibbie di antico e nuovo testamento, libri sull’ebraismo e letteratura europea, sud e nord americana, cataloghi di mostre. E ovunque statue africane, manoscritti, pitture, oggetti; appeso a una parete c’è persino un vecchio annuncio di quelle case di piacere di una volta, che fanno tenerezza tanto ingenuo è il tocco romantico che le pervade.

Azione du 24 juillet 2017

pour lire l’article Azione du 24 juillet 2017 complétement aller sur le site web d’Azione