Project Description

Voce Evangelica du 18 février 2015

Una pastora bohème e rock’n’roll

Carolina Costa, consacrata recentemente a Ginevra, è una pastora evangelica atipica e felice

Nel corso di un culto solenne nella Cattedrale di san Pietro, a Ginevra, la chiesa evangelica riformata ha consacrato, lo scorso autunno, sei persone, tra cui il nuovo moderatore della Compagnia dei pastori e dei diaconi, Patrick Baud. Tra i sei neoconsacrati, anche due donne: Marie Cenec e Carolina Costa. La seconda, di origine italiana, riesce a conciliare due attività che a prima vista sembrano assai lontane, quella di pastora e quella di cantante e attrice. Con il marito, Victor Costa, è protagonista di una sit-com televisiva – „Bienvenue che nous“ – di grande successo nella Svizzera francese.

Carolina Costa, lei esercita il ministero pastorale dal 2009, ma è stata consacrata solo di recente. Come mai nella Chiesa del Canton Ginevra si può essere pastori senza avere ancora ricevuto la consacrazione?
È che il ginevrino è sempre un po’ particolare e gli piace essere alternativo! La cosa risale alla fine degli anni 1960, quando c’è stato un movimento di pastori che non volevano fare la distinzione tra loro ed i laici e che hanno fatto la proposta – accettata – che un pastore potesse scegliere di essere consacrato o no. Da allora è passato molto tempo: adesso si vede invece che abbiamo bisogno di dare una visibilità al ministero del pastore, perché si è un po’ persa questa dimensione.

Voce Evangelica du 18 février 2015

Ma allora che significato riveste questa consacrazione? In fondo per lei non cambia niente: continua a fare la pastora, anche se ha cambiato parrocchia…
Quello che è interessante è che ora ho dietro di me un’esperienza pratica di 6 anni: mi sono confrontata con le difficoltà e ora il fatto di essere “portata” dalla Chiesa – che con la consacrazione ha riconosciuto il mio ministero – è un gesto molto importante. Questo è stato proprio il momento giusto, il frutto di una maturazione, perché abbiamo camminato per un anno e mezzo per prepararci a questo traguardo. Io e i miei 5 colleghi abbiamo riflettuto a lungo sul significato del nostro ministero nel mondo di oggi, ciascuno con le sue peculiarità.

Voce Evangelica du 18 février 2015

La suite de l’article est disponible en suivant ce lien

Voce Evangelica du 18 février 2015